Precedente
Successivo

VIVI IL FASCINO DELLA MONTAGNA...

Il santuario, i masi secolari e altre bellezze

Attrazioni turistiche e culturali in Val Senales

Da non perdere durante le vacanze in Val Senales: il monastero certosino “Monte degli Angeli” a Certosa, la chiesa barocca di Madonna di Senales, l’archeoParc, il museo all’aperto con programma interattivo, e il pittoresco lago artificiale di Vernago.

La cosa che più colpisce i visitatori è tuttavia il paesaggio d’altri tempi della vallata con i suoi masi secolari. Queste dimore contadine rimaste pressoché inalterate nel corso del tempo possono essere visitate durante varie escursioni o visite guidate che ne illustrano la storia secolare e la vita dei contadini di montagna.

Accompagnati da una guida scoprirete tante curiosità interessanti nel corso di una visita al paese di Monte Santa Caterina, all’ex complesso monastico di Certosa e lunga la via “Silentium” che conduce nel borgo del silenzio, dove per secoli i monaci hanno servito Dio rispettando il più assoluto silenzio e isolamento.

I tesori storici della Val Senales

Precedente
Successivo

Malghe e rifugi

Masi secolari, malghe a conduzione familiare e rifugi accoglienti…
Una particolarità della Val Senales sono proprio le strutture ricettive in alta quota: alcuni dei nostri rifugi si trovano a quasi 3.000 metri di altitudine!
Molte di queste strutture vantano una storia secolare. Spesso gestiti dalla stessa famiglia per varie generazioni, i rifugi e le malghe della Val Senales pongono particolare attenzione alla tradizione anche dal punto di vista gastronomico. Il menu propone dunque specialità sudtirolesi quali canederli, Kaiserschmarrn o piatti a base di selvaggina o pecora nostrane

I masi e la cultura contadina

Un viaggio nei secoli passati…
Rimasta isolata per un lungo periodo, da sempre la Val Senales si contraddistingue per la sua cultura contadina secolare. Ancora oggi numerosi masi, alcuni dei quali risalenti a 700 anni or sono, costellano i pendii ripidi della vallata.

Segnate e inscurite dalle intemperie, queste dimore rurali caratterizzano la nostra valle selvaggia. Con la tradizione del “maso chiuso” che prevede la cessione del maso in toto a un unico erede, molti di questi edifici storici hanno mantenuto il loro aspetto originale.

Presso uno dei più antichi masi della valle, il maso didattico Oberniederhof, si organizzano visite guidate volte a conoscere la storia travagliata dei masi di montagna: Inoltre è possibile visitare anche la stalla con i vari animali.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Il santuario di Madonna di Senales

Una cattedrale tra le vette alpine… La storia di questo santuario collocato nell’omonimo paese risale a tempi lontani. Nel 1304 vi fu rinvenuta una statua in legno della Vergine Maria. Nell’esatto luogo del ritrovamento troneggia ora il santuario mariano, uno dei più antichi di tutto il Tirolo. Anche  il cimitero con le sue croci tombali in bronzo e oro merita una visita.

Castel Juval

Su un’altura all’imbocco della Val Senales svetta maestoso Castel Juval. Eretto nel 1250, il maniero medievale è attualmente la residenza estiva del famoso alpinista altoatesino Reinhold Messner.
Il castello ospita uno dei 6 musei della montagna Messner Mountain Museum.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

L’abbazia di Allerengelberg

Il monastero “Monte degli Angeli” (Allerengelberg) è stato fondato nel 1326 dai monaci certosini che per oltre 400 anni lo abitarono nel più rigoroso silenzio e isolamento.
La quiete d’altri tempi che ancor oggi aleggia nel paese di Certosa è il focus del progetto culturale “Silentium”. I responsabili del progetto organizzano mostre artistiche nel chiostro e hanno istituito la Via monachorum, detta anche “Silentium”, un sentiero spirituale che ha come meta l’antico monastero.